Questo sito web utilizza i cookie per migliorare e personalizzare la vostra visita sul nostro sito. Proseguendo con la navigazione si accetta l'uso di questi cookie.

Commercio e industria
Commercio e industria

Che siano centri commerciali, Discount o saloni dell’automobile, un clima appropriato influenza positivamente le decisioni d’acquisto dei Vs. clienti. Quando il cliente si sente a proprio agio, si sofferma a lungo e compra di più. Anche se il clima è un fattore dell’inconscio, ha un impatto positivo sul Vs. fatturato. Ventilazione e condizionamento sono particolarità importanti per ogni dettagliante e/o conduttori di centri-shopping. Quando si aprono le porte, la temperatura e l’umidità devono mantenersi costanti. 

L’immissione d’aria fresca deve esser sempre impeccabile anche durante la massima presenza di clienti. Dopo la chiusura però è opportuno, che questa ottimale condizione climatica venga, prima possibile, ridotta ad un regime d’efficienza energetica adeguato. Una regolazione volumetrica su misura dei flussi d’aria, è quindi un’assoluta necessità.  

Anche l’architettura degli stessi locali può influenzare il condizionamento. Le grandi vetrate non servono solo ad attirare i clienti, queste provocano notevoli carichi di caldo e freddo. Nessun problema se viene scelta la giusta tecnologia. Un recupero di calore ad alta efficienza, specie in inverno, ha valore di denaro contante. L’impiego di sorgenti energetiche alternative, come per esempio, scarico termico da impianti di refrigerazione industriale oppure lo sfruttamento del teleriscaldamento, determinano un risparmio nei di raffreddamento. Ogni centro commerciale impiega molta illuminazione per far emergere gli articoli esposti, creando dei veri percorsi luminosi, procurando però un notevole, molte volte trascurato, carico termico. In estate il raffreddamento con ventilazione a tutta aria esterna, non è sempre sufficiente. Per queste esigenze ci sono sistemi alternativi di raffreddamento quali: “Raffreddamento adiabatico evaporativo” o “climatizzazione con scambiatore ad assorbimento” conosciuta anche con il detto “raffreddare con il sole”.

Menerga va bene:

Nell’ambito dell’edilizia commerciale e industriale entrano in gioco grandi volumi d’aria. Menerga offre una serie di impianti fino a 51.000 m³/h e più, naturalmente anche in esecuzione per l’esterno. Tutti gli impianti sono attrezzati con sistemi di controllo e regolazione intelligenti che scelgono automaticamente le condizioni di esercizio più favorevoli. Per Voi questo significa che dopo la chiusura dei negozi, vengono scelti regimi d’esercizio con ridotti volumi d’aria e valori setpoint bassi, tali da ridurre drasticamente i costi d’esercizio. All’apertura dei negozi cioè all’inizio delle attività, l’impianto ricrea le condizioni ambientali desiderate. Nel caso la richiesta annuale di calore sia maggiore della richiesta del freddo, gli impianti Resolair con il recupero calore sistema rigenerativo, hanno una resa massima di recupero fino al90%. Per fronteggiare la maggior richiesta di raffreddamento energeticamente efficiente, sono da installare impianti Adsolair. Questi impianti lavorano sul principio dell’evaporazione adiabatica, che nebulizzando acqua sull’aria di ripresa, può raggiungere un abbassamento di temperatura nell’aria di mandata pari a 12 K (con AE=34°C/40%um.r.) senza alcun impiego di energia per il raffreddamento. Con intelligenza simile funziona il sistema “climatizzazione con scambiatore ad assorbimento”. Questa funziona in due fasi: deumidificazione aria e raffreddamento aria. Per la deumidificazione, l’aria calda esterna viene condotta attraverso una soluzione salina in grado di assorbire l’acqua. Di seguito quest’aria esterna asciutta attraversa un doppio scambiatore di calore con sistema di raffreddamento adiabatico indiretto, dove l’aria di mandata viene raffreddata fino a 12 K (con AE=34°C/40% um.r.). La soluzione salina satura d’acqua viene rigenerata con calore. Quali fonti di calore vengono impiegati pannelli solari, reti di teleriscaldamento oppure scarichi termici. La deumidificazione e la rigenerazione del sale viaggiano su circuiti separati. Il calore può così esser accumulato in un fluido privo di disperdimenti, per un tempo quasi illimitato e usato proprio per una offerta non costante di calore.